Numero Verde 800 910 625

Cosa facciamo

News & Docs

Chi siamo

Lo yoga che fa bene

Un po’ di esercizio fisico, di respirazione e di meditazione: anche lo yoga potrebbe aiutare a migliorare il quadro clinico dei malati con artrite reumatoide. A sostenerlo è uno studio dei ricercatori dell’Emirates Arthritis Foundation di Dubai, presentato a Londra in occasione del congresso annuale dell’EULAR (The European League Against Rheumatism).

Per capire se la pratica orientale avesse o meno dei benefici sui malati reumatici, gli scienziati hanno arruolato nel loro studio 47 pazienti con artrite reumatoide: 26 hanno praticato lo yoga Raj e, dopo dodici sedute, il punteggio di attività della loro malattia (Disease Activity Score, una misura della gravità dell’artrite reumatoide) è stato confrontato con quello degli altri 21 lasciati invece a riposo. I ricercatori hanno visto che chi praticava yoga stava sensibilmente meglio rispetto a chi al contrario non lo faceva, come dimostravano le misure effettuate per calcolare il DAS e i questionari compilati dai partecipanti allo studio.
 
“La maggior parte dei pazienti con artrite reumatoide non si allena regolarmente, anche se quelli che lo fanno accusano meno dolori e sono perciò maggiormente attivi fisicamente” ha spiegato Humeira Badsha dell’Emirates Arthritis Foundation: “Anche se il nostro studio è stato condotto su un ristretto numero di persone, i risultati mostrano chiaramente che ci sono dei benefici per i pazienti che praticano regolarmente lo yoga Raj”.

La disciplina orientale, come spiegano i ricercatori, ha mostrato di avere degli effetti benefici non solo nei pazienti con artrite reumatoide, ma anche in quelli che soffrono di fibromialgia, una condizione in cui chi ne è colpito accusa rigidità e dolori muscoloscheletrici in tutto il corpo. Lo yoga, in questo caso, ha inoltre mostrato non solo di poter migliorare la qualità della vita dei pazienti dal punto fisico, ma anche di essere in grado di aiutare a contenere lo stato d’ansia, piuttosto comune in questi malati.

Riferimenti: European League Against Rheumatism via Eurekalert